Archive - 4 Mani RSS Feed

Portami con te

romanticavany3289324Portami con te, fammi capire che è tutto vero
che il nostro amore, è un amore vero
che tu sei veramente sincero
e che non andrai mai via
senza di me.

Anche se non è Natale

Anche se non è Natale,
il tuo cuore è di zucchero
e pan pepato;
voglio sapere chi sei tu
che catturi coi tuoi mascheramenti
i miei pensieri
in questa arsura agostana.
Tu, che accechi più del sole,
con le tue foto
ti intrappolerò
tra trine d’organza
e ragnatele,
tra schizzi di nuvole
e gocce di Luna,
tra profumi di petali
ed essenze soavi.
Nel buio ti cerco,
nella notte non ti trovo.
Io, che mi ritrovo un cuore
come un colabrodo
dovrei odiarti, lo so,
ma incespico il passo
nel vento, perduta
nei flutti di zucchero
e pan pepato.
romanticavany1212

Che Incredibile!

Incredibile!
E’ nato qualcosa
Ridi adesso?
Stai pensando al sesso
non sbaglio
Non senti quant’è bello
il silenzio!
Perché fra le braccia
mi stringi e nell’orecchio
mi bisbigli “Sarà uno sballo”?
Così infantile
quella tua confusione,
mi ci perdevo dentro
proprio come una bambina
dispettosa
Ed ora costretta
ad allontanarmi da te
Incredibile
come tutto possa presto finire
in una finta;
eppure è accaduto
qualcosa che non oso dire;
persino io
non ci credo fissandoti:
ti scopro di voglie aggressivo
intento a spogliarmi cogl’occhi,
cercando invano d’indovinare
il limite
che non puoi toccare
Così ora te lo recito
tutto d’un fiato
anche se mi hai rotto:
Un po’ ti amo
romanticavany8234
di Romantica Vany & King Lear

Ogni cosa ha in sé la Fine

romanticavany123787812937891Quand’è che tornerai fra noi
invece di cercar come Pulzella
la perduta innocenza?
Non sai forse che Dio
ha sacrificato il figlio
perché l’uomo avesse speranza
e in essa morire lentamente
sino al giorno del giudizio?

Quanto vani quei valori
che colle unghie e i denti
or difendi!
Ogni cosa ha in sé la Fine,
dalla sepoltura alla nascita
niente cambia mai veramente:
forse che un fiore colto
domani sarà forse lo stesso?
Così è il sentimento dell’uomo:
una volta adoprato non è più,
nemmeno concime buono
per coltivare di sé nuovo odio.

di Giuseppe Iannozzi

Felice Madonnina

Tirava pioggia e vento
Mano nella mano
sino alla Porta Palatina
Davanti al Duomo
un fiore da un ciuffo d’erba
ho strappato, tu m’hai sgridato
Sul tuo cuore l’ho appuntato
Sul tuo viso un sorriso birichino
è spuntato
Il sole ha poi fatto subito capolino
da dietro un paravento
ch’era di nubi grigio

Nell’oro della luce
commossi gl’occhi su me
felice bambina
felice madonnina
Tremante
da far tenerezza a un passerotto
Piano ti ho stretta a me
perché sentissi che c’ero,
ma tu eri già aldilà:
mani giunte in preghiera
dal Salvatore sorpresa
tu sì, lo vedevi
mentr’io ero cieco
emozionato però di vedere
di sentire la Bontà crescere
nella tua bellezza di corpo d’anima
 
Mano nella mano
fuori m’hai baciato
uguale uguale
alla nostra prima volta,
bella mia madonnina

Un bianco gabbiano

romanticavany721893Un bianco gabbiano
giovane d'avventure
è da te venuto
con legato alla zampetta
un messaggio
Con gran coraggio
fra nubi e piogge
l'ha recato sino a te
che lo aspettavi

Dàgli una o due molliche
di buon pane; lascia
che riposi il tempo giusto,
poi senza pianto lascia
che con un batter d'ali
sia di nuovo tutt'uno
col cielo

di Giuseppe Iannozzi
 

Raccontandoci Bugie

romanticavany23487di Romantica Vany
& Giuseppe Iannozzi
Piove,
la verde erba del mattino bagnata;  
sù quel raggio di sole
– che le nubi divide
facendomi l’occhiolino -
vorrei segnare i nostri nomi
sognando una gentile serata 
di luce di stelle.
 
In calici di cristallo brinderemo
perché sia il vino dell’estate
a ubriacarci le anime
confuse nelle ombre
del tramonto settembrino.
Come carezze raccoglieremo
le prime foglie cadute
sulle nostre mani di dita intrecciate.
 
Così io e te vivremo,
raccontandoci bugie, forse fiabe 
tra sbadiglianti sbuffi di caffè.
E pregheremo e canteremo
facendo all’amore
con le mani annodate nell’orgasmo.
 
Nell’ombrosa bellezza di settembre
lotteremo incontrando gli sguardi
di vincenti e sconfitti, di pazzi e santi;
sarà il nostro respiro l’affanno di Dio,
la nostra unione e benedizione.

Aria di Settembre

 

romanticavany387921 Sorride stamani il sole
un fresco gentile entra sulla pelle
lievi cadono foglie rosse,
ed io non trovo
quelle parole chiare,
che sanno di cielo,
parole che lavano il cuore,
da una nuvola grigia
di pensiero
profuma quella piccola strada
acciottolata di vita.
Così, sento negli occhi  
il volo dell'aria
di Settembre
con il battito in canto
di piccoli uccelli liberi,
sicuri su ali armoniose disegnano
un fremito su un azzurro cielo
d'Amore.

Cattura il vento

romanticavany12387Hai da decidere quando
e lo puoi tu soltanto

Cattura il vento
Con l'amore mettilo sotto
proprio come fai con l'amante
che da una vita insegue
insistente le tue orme

Cattura il vento
e non piangere
per quel che è stato
e più non sarà

E poi insieme a me canta
anche se sembra stupido

di Giuseppe Iannozzi

mentre il sole s’adombrava

romanticavany23891Tra i filari d'uva bruna
mi facevi l'occhiolino;
d'un tratto poi più non c'eri,
giocavi a nascondino
mentre il sole s'adombrava
e il mio core pure;
tema nutrivo che un mostro
t'avesse divorata.
Per quanto m'affannassi
nella cerca di te, nulla.
Soltanto il sudore in rivoli
sulla mia fronte di rughe;
prossimo al pianto
le lagrime stentavano
a sgorgare, perché più forte
era l'ansietà di richiamarti
a me. Ma ogni mio grido
parea vano.
Di quest'incubo ubriaco
in ginocchio son caduto
e subito fu libero lo sfogo
in pianto. Ma com'eri fuggita
tornasti, senza che foglia
si movesse, e il mio capo
sul tuo petto raccogliesti
manco fossi un bambino.
Tornai così felice, goloso
e geloso di te più che mai.

romanticavany2379

di Giuseppe Iannozzi

Page 4 of 9« First...«23456»...Last »